D.A.T. (DISPOSIZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTO)

Le Disposizioni Anticipate di Trattamento sono comunemente conosciute come “testamento biologico” o “biotestamento”.

In previsione di un’eventuale futura incapacità di autodeterminarsi, la legge in questione prevede la possibilità per ogni persona maggiorenne e capace di intendere e volere di esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari, accertamenti diagnostici e scelte terapeutiche.

Tale legge prevede anche la possibilità da parte del disponente di nominare un fiduciario, persona maggiorenne e capace di intendere e volere, chiamato a rappresentare l’interessato nelle relazioni con il medico e le strutture sanitarie.

Il disponente può, infine, prevedere si destinare una somma di denaro da affidare al fiduciario per il pagamento delle spese mediche che dovessero insorgere nel corso dell’espletamento dell’incarico.

Tali somme, invece di essere affidate al fiduciario, potrebbero essere depositate su un conto corrente intestato a nome della nostra società ma per ordine e conto del disponente e all’interno del mandato sottoscritto verrebbero elencate le modalità con cui la nostra società dovrebbe amministrare tali somme e come destinare le eventuali somme residue.

La sottoscrizione di un mandato fiduciario di amministrazione di liquidità abbinato a tale tipologia di contratto, garantisce al disponente che le somme di denaro dallo stesso destinate vengano utilizzate esclusivamente per lo scopo di pagamento delle spese sanitarie. Questo perché la società fiduciaria è soggetto terzo garante e indipendente che ha come unico scopo quello di eseguire le istruzioni del proprio fiduciante (disponente). La stessa garanzia non può essere data in caso di affidamento delle somme direttamente al fiduciario che ne potrebbe disporre in modo fraudolento o per scopi personali.